“CSRD: Corporate Sustainability Reporting Directive”

Una maggiore trasparenza e responsabilità delle imprese in Europa in materia di sostenibilità.

La Corporate Sustainability Reporting Directive (CSRD) rappresenta un passaggio cruciale verso una maggiore trasparenza e responsabilità delle imprese in Europa in materia di sostenibilità.

L’obiettivo della CSRD è di migliorare e standardizzare la comunicazione delle informazioni relative alla sostenibilità. Questo permette agli stakeholder, inclusi investitori, clienti e la società civile, di avere una visione chiara dell’impatto delle imprese sull’ambiente e sulla società.

In questo articolo, esploriamo le novità introdotte dalla CSRD, il suo impatto sulle aziende e su come si inserisce nel più ampio contesto della transizione verso un’economia sostenibile.

Novità introdotte dalla CSRD

Estensione dell’ambito di applicazione: a differenza della sua predecessora, la Non-Financial Reporting Directive (NFRD), la CSRD estende l’obbligo di reporting a tutte le grandi imprese e tutte quelle quotate in mercati regolamentati (escluse le micro-imprese quotate), influenzando circa 50.000 aziende nell’UE, rispetto alle 11.000 della NFRD.

Standard di reporting dettagliati: La CSRD introduce standard di reporting più dettagliati e rigorosi. Richiede alle aziende di fornire informazioni su come i loro modelli di business siano compatibili con la transizione verso un’economia sostenibile e resiliente al clima. Questo include dettagli sulle emissioni di gas serra, l’uso delle risorse, la biodiversità e l’impatto sociale.

Assicurazione obbligatoria: Per garantire l’affidabilità delle informazioni riportate, la CSRD richiede che le dichiarazioni di sostenibilità siano soggette a una verifica indipendente. Questo passaggio assicura che le informazioni siano accurate, complete e conformi agli standard di reporting.

Digitalizzazione del reporting: La Corporate Sustainability Reporting Directive promuove l’utilizzo del formato digitale per il reporting di sostenibilità, facilitando l’accesso e l’analisi delle informazioni da parte degli stakeholder. Ciò è in linea con l’iniziativa dell’Unione Europea di creare un “single access point” per le informazioni finanziarie e di sostenibilità

Impatto sulle aziende

L’introduzione della CSRD rappresenta una sfida per molte aziende, richiedendo l’adeguamento dei loro sistemi di raccolta dati e reporting. Tuttavia, offre anche l’opportunità di migliorare la gestione del rischio, l’innovazione e la competitività, integrando la sostenibilità nelle strategie aziendali. Le aziende saranno spinte a rivedere le loro operazioni e catene di fornitura sotto l’ottica della sostenibilità, adottando pratiche più rispettose dell’ambiente e socialmente responsabili.

Contesto più ampio e prospettive future

La CSRD si inserisce in un contesto globale dove la necessità di un’azione urgente per affrontare le sfide ambientali e sociali è sempre più evidente. È parte di un pacchetto più ampio di iniziative dell’UE per promuovere una transizione verde e inclusiva. Guardando al futuro, ci si aspetta che la CSRD stimoli un cambiamento positivo verso modelli di business più sostenibili a livello globale.

Istock 958709520

Conclusioni

In conclusione, la CSRD segna un importante passo avanti nella governance aziendale e nella responsabilità sociale d’impresa. Con la sua implementazione, l’UE mira a stabilire un nuovo standard globale per il reporting di sostenibilità. Questo per incoraggiare le aziende a operare in modo più sostenibile e responsabile.

Lo Staff